Regolamento - Istituto Paritario Bianchi dei Padri Barnabiti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Regolamento

Ist. Scolastica

REGOLAMENTO DISCIPLINARE
anno 2014/2015
Approvato dal Collegio dei Docenti l’11 settembre 2012 e aggiornato il 23 gennaio 2014
Adottato dal Consiglio di Istituto il 27 gennaio 2014



I. ASSENZE



1. La presenza degli alunni è obbligatoria alle lezioni e alle attività parascolastiche che richiedono la partecipazione di tutta la classe.

2. Ai fini della validità dell’anno scolastico è richiesta la presenza ad almeno tre quarti del monte-ore annuale delle lezioni. Un numero di assenze superiore a un quarto dell’orario complessivo di tutte le discipline rende pertanto invalido l’anno scolastico.

3. Per procedere alla valutazione finale nelle singole discipline è richiesta la frequenza a non meno di tre quarti delle ore di lezione.

4. Ogni assenza deve essere giustificata per iscritto dai genitori o da chi ne fa le veci.

5. Le assenze vanno giustificate sull’apposito libretto, debitamente numerato e vidimato, che deve essere ritirato in Segreteria dal genitore che ha depositato la firma. Il libretto è personale e può essere utilizzato fino al suo esaurimento, anche se ritirato negli anni precedenti. Non può essere utilizzato il libretto di un altro alunno, anche se fratello.

6. Le assenze vanno giustificate il giorno stesso del rientro a scuola. Se, dopo tre giorni, l’assenza non è stata ancora giustificata, l’alunno può essere riammesso in classe solo con l’autorizzazione del Rettore.

7. Per le assenze superiori a quattro giorni (compresi gli eventuali giorni festivi), dovute a malattia, alla giustificazione deve essere allegato un certificato medico. Altri tipi di assenze, sempre superiori a quattro giorni, devono essere anteriormente comunicate al Rettore, specificandone i motivi, e giustificate normalmente al rientro.

8. L’assenza, ancorché giustificata, non esonera automaticamente dalla preparazione delle lezioni del giorno, neppure di argomenti eventualmente trattati durante l’assenza stessa.


II. RITARDI E USCITE ANTICIPATE



9. Gli alunni della scuola primaria attendono in cortile l’inizio delle lezioni; al suono della prima campana (08.10), accedono alle aule ordinatamente, classe per classe, accompagnati dai rispettivi insegnanti; al suono della seconda campana (08.15), iniziano le lezioni con la recita della preghiera.
Gli alunni della scuola secondaria accedono alle aule singolarmente, a partire dalle ore 8; al suono della campana (08.10), tutti devono essere presenti in classe e iniziano le lezioni con la recita della preghiera.

10. La puntualità alle lezioni è uno degli elementi che concorrono alla valutazione del comportamento dell’alunno. Le entrate in ritardo e le uscite anticipate sono da ricondurre a casi eccezionali e documentabili.

11. Dopo l’inizio delle lezioni, i permessi di entrata sono rilasciati dal Vicerettore o dall’incaricato del piano. Dopo dieci ritardi, l’alunno viene sospeso dalle lezioni per un giorno.

12. In casi eccezionali e per gravi e documentati motivi, i genitori possono richiedere per iscritto, con un giorno di anticipo, l’ingresso alla seconda ora o l’uscita prima del termine delle lezioni. Non sono ammesse entrate dopo l’inizio della seconda ora o uscite prima della conclusione della penultima ora.

13. Qualora l’uscita anticipata si rendesse necessaria per malore o indisposizione, la Direzione si premurerà di avvertire i genitori, prima di lasciare uscire l’alunno.

14. Non è ammesso il prelievo degli alunni da parte di estranei.

15. Eventuali uscite anticipate rispetto all’orario scolastico prestabilito verranno comunicate dalla Direzione alle famiglie con almeno un giorno di anticipo.


III. COMPORTAMENTO



16. Durante le lezioni è consentita l’uscita dall’aula solo per motivi gravi e urgenti, con l’autorizzazione dell’insegnante. Di norma, non è consentita l’uscita durante la prima ora di lezione e durante l’ora successiva all’intervallo.

17. Nessuno può allontanarsi dall’aula durante il cambio dell’ora senza il permesso dell’insegnante dell’ora successiva.

18. A nessuno è permesso di allontanarsi dal proprio ambiente senza il permesso del Vicerettore o dell’incaricato del piano.

19. Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola forniti del materiale necessario alle discipline del giorno.

20. Gli armadi di classe possono essere utilizzati dagli alunni esclusivamente per depositare materiale didattico di non immediato utilizzo per lo studio domestico, sotto la vigilanza dell’incaricato del piano, che ne custodisce la chiave.
21. Agli alunni è fatto severo divieto di usare, durante le lezioni, qualsiasi oggetto o strumento non attinente all’attività didattica. L’utilizzo del telefono cellulare durante le attività didattiche può essere autorizzato dal Vicerettore o dall’incaricato del piano esclusivamente per comunicare con le famiglie in casi di particolare urgenza e gravità.

22. L’uso degli strumenti audiovisivi all’interno dell’Istituto è consentito esclusivamente per fini didattici. Può esserne autorizzato, in via eccezionale, l’uso personale, purché non leda l’altrui privacy e comunque avvenga nel rispetto delle leggi vigenti.

23. L’Istituto non è responsabile degli oggetti che venissero eventualmente a mancare agli alunni.

24. Gli alunni sono tenuti a rispettare l’ambiente, le strutture e le suppellettili dell’Istituto. Eventuali danni dovranno essere risarciti.

25. L’abbigliamento e l’acconciatura degli alunni devono essere consoni alla serietà dell’ambiente.

26. È severamente vietato fumare nei locali dell’Istituto, a norma delle leggi vigenti.

27. Non è permesso mangiare, bere e masticare chewing-gum in classe.

28. L’uso dei distributori automatici di bevande e merende è consentito, di norma, prima dell’inizio delle lezioni e durante l’intervallo.

29. Agli alunni è vietato far uso dell’ascensore, salvo in casi particolari autorizzati dalla Direzione.

30. Non è tollerata la volgarità nel linguaggio e nel comportamento.

31. Non sono tollerati atteggiamenti di bullismo, sotto qualsiasi forma.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu